"Un Caffè con..."

“Un Caffè con…” Leonildo Contis

Cattura1

Oggi ho avuto il piacere di intervistare per voi uno dei capisaldi del mio matrimonio.

Colui che è riuscito, insieme al suo meraviglioso staff, a realizzare un banqueting perfetto per i miei ospiti: il pasticcere Leonildo Contis.

 

 

 

 Non voglio svelarvi troppo, vi lascio all’intervista.

Buona lettura.

 

  1. Ciao Leo, che meraviglia poterti intervistare per il mio blog. Vuoi raccontare un po’ di te ai nostri lettori e futuri sposi?

Ciao Marialuisa, certo. Il mio nome è Leonildo Contis e sono un pasticcere, dirigo un’azienda di famiglia che si occupa di pasticceria dal 1924 anche se il core-business della nostra azienda si è spostato sul banqueting.

Offriamo agli chefs e ai ristoranti che non sono attrezzati per gli eventi, un supporto nell’organizzazione nella location scelta dal cliente per il banqueting con attrezzature e servizi. Continua a leggere ““Un Caffè con…” Leonildo Contis”

"Un Caffè con..."

“Un Caffè con…” William Pusceddu

WhatsApp Image 2018-10-16 at 19.02.28

Ho avuto il piacere di intervistare per voi William Pusceddu, la sua è una professione di nicchia, probabilmente non tanto conosciuta ma che può dare quel tocco di prestigio in più a ogni evento. Vi lascio al suo racconto per scoprire di cosa si tratta.

Buona lettura.

 

 

Mi chiamo William Pusceddu, meglio conosciuto come Willy, di professione Sommelier.

Sono un sommelier FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori – delegazione Medio Campidano) grande appassionato, quasi maniacale, per il mondo enoico.

E’ vero che, spesso non siamo noi a scegliere una passione ma, è lei che sceglie noi. Anche per me è stato così!

La mia passione per il mondo del vino nasce nei ricordi della mia infanzia, quando da bambino andavo a casa dei nonni.

Ricordo che nell’abitazione vi era “su magasiu” (magazzino – stanza cantina) con i muri in “ladiri” (tipici mattoni sardi fatti di terra, acqua e paglia) e “su pomentu” (pavimento in terra cruda), all’interno invece “sa mola” (la mola), “sa prenza” (il torchio), “sa cubidia” (il tino) e “is carradasa” (le botti) con il profumo del mosto che mi è rimasto nel cuore. Continua a leggere ““Un Caffè con…” William Pusceddu”